Home page » Novità

Le carte e i libri di don Domenico Zannier al Comune di Majano

Ereditati dal Comune la biblioteca e i manoscritti del sacerdote e poeta candidato al Nobel.

E' stata recentemente formalizzata dal Comune di Majano (Udine) l'accettazione del lascito ereditario di don Domenico Zannier (Pontebba 1930 - Majano 2017), sacerdote, giornalista e scrittore, autore di numerose libri e poemi, legati in particolar modo alla cultura e alla lingua friulana. 
Il lascito, che comprende anche la casa e diverse opere d'arte, consiste in una ricca biblioteca di migliaia tra volumi e opuscoli e nei manoscritti degli articoli, degli studi, delle poesie e dei libri scritti da don Zannier.
Proprio il grande rilievo dell'opera del sacerdote per la cultura friulana ha portato nel 1986 addirittura alla sua candidatura al Nobel per la letteratura da parte delle Università di Salisburgo e Innsbruck. Pre Meni, come veniva familiarmente chiamato, nel 1952 fondò la "Scuele libare furlane", un'istituzione per diffondere l'insegnamento della lingua e della cultura friulana, anche organizzando eventi e manifestazioni come i primi Festival della canzone friulana.
Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, nel 2012 ricevette dal sindaco di Udine Furio Honsell il sigillo della città e nel 2015 la medaglia della Provincia di Udine dal presidente Pietro Fontanini.
Le sue carte e i suoi libri, una volta catalogati e inventariati, troveranno adeguata valorizzazione da parte del Comune di Majano, che intende intitolare la biblioteca comunale proprio a don Zannier.
 
Fonte: Messaggero Veneto e Comune di Majano.
 
 

Categoria: Notizie dagli archivi