Home page » I procedimenti » Comodato, deposito e custodia
foto

Comodato, deposito e custodia

 
L'acquisizione in comodato da parte degli Archivi di Stato di archivi privati di "particolare pregio", perché ne sia consentita la fruizione da parte della collettività (d.lgs. 22 gen. 2004, n. 42, Codice dei beni culturali e del paesaggio, art. 44, commi 1-4), è soggetta ad autorizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, che ai sensi del d.p.c.m. 29 ago. 2014, n. 171, art. 39, comma 2, lettera i) viene rilasciata dalla Commissione regionale per il patrimonio culturale, su proposta della Soprintendenza archivistica.
 
La Soprintendenza istruisce inoltre il procedimento di deposito presso gli Archivi di Stato di archivi di enti pubblici. L’autorizzazione per il deposito viene rilasciata dal Ministero tramite la Commissione regionale per il patrimonio culturale (d.p.c.m. 29 ago. 2014, n. 171, art. 39, comma 2, lettera i), mentre il rapporto è in genere regolato mediante una convenzione tra l'Archivio di Stato e l’ente depositante.
 
Al fine di garantire la sicurezza e di assicurare la conservazione dei beni culturali archivistici, la Soprintendenza ha facoltà di far trasportare e temporaneamente custodire detti beni in pubblici istituti, ai sensi dell’art. 43 del Codice.
Data di redazione: gennaio 2013
 
Data di ultimo aggiornamento: marzo 2015